USS SELEYA

TIMELINE
08 - 08  
DAL BIG BANG AL XIX SECOLO
XX SECOLO
XXI SECOLO
XXII SECOLO
XXIII SECOLO
XXIV SECOLO
DAL XXV SECOLO
UNIVERSI PARALLELI
 
13.82 x 109 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Non applicabile
Non applicabile
Al centro del Tutto

Evento

BIG BANG

Inizia lo Spazio/Tempo e nasce l'Universo.

Fonte

Se "essere qui" non vi basta, allora: Wikipedia / Età dell'Universo

Nota

In NOV TLE "The buried age" l'età dell'Universo viene indicata come 13.56 miliardi di anni, con un margine di errore di 700 milioni in più o in meno.


9 x 109 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Settore 97, Quadrante Alpha

Evento

NASCITA DEL BLACK CLUSTER

Centinaia di massicce protostelle collassano in una regione limitata di spazio, dando origine al Black Cluster (Ammasso Nero), che verrà studiato da molte specie - compresa la Federazione - per le sue specifiche anomalie gravitazionali.

In data stellare 45391 la NAR 18834 SS Vico, una piccola e vecchia nave scientifica della Federazione, classe Oberth, viene distrutta mentre studia il Black Cluster.

Fonte

TNG 5x11 "Hero worship / Un eroe da imitare"

Nota

La fonte riporta che il Black Cluster / Ammasso Nero si è formato nove miliardi di anni prima del 2368. Milione più, milione meno...


6 x 109 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Non applicabile

Evento

NASCONO LE PRIME FORME DI VITA COMPLESSE

Alcuni miliardi di anni dopo la nascita dell'universo, grazie all'evoluzione delle prime stelle che hanno creato gli elementi pesanti (carbonio, ferro, ossigeno e altri) e li hanno sparsi esplodendo come supernove, iniziano a nascere le prime forme di vita complesse, organismi multicellulari a base carbonio, che in qualche caso si evolvono fino a diventare senzienti e a creare le prime civiltà.

La ricerca di antiche civiltà da parte della Federazione ha quindi un limite inferiore, poiché non è possibile trovarne prima di questo periodo.

Fonte

NOV TLE "The buried age"


4.5 x 109 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Sconosciuto

Evento

I PRECURSORI

Nella Galassia si sviluppa la prima civiltà umanoide, che infine raggiunge la capacità di volare fra le stelle e scopre di essere sola. Consapevole, come specie, della propria mortalità, inizia un grandioso progetto per disseminare il proprio DNA nel "brodo primordiale" di un gran numero di mondi, permettendo lo sviluppo - su molti pianeti, fra cui la Terra, Vulcano, Qo'noS e Cardassia - di forme di vita simili alla loro. Quattro miliardi e mezzo di anni dopo, alcune delle specie nate da questo progetto scoprono non solo il legame che le unisce - che le rende, nonostante le differenze culturali e sociali, "sorelle", e spiega come mai siano simili nell'aspetto e interfeconde - ma addirittura un messaggio lasciato da questi antichi progenitori, codificato nel loro DNA.

Fonte

TNG 6x20 "The chase / Il segreto della vita"

Nota 1

La fonte non riporta esattamente quando i Precursori abbiano avviato il loro progetto, limitandosi ad affermare che quattro miliardi di anni prima Vilmor II era ancora di classe M e i suoi oceani non si erano prosciugati. Memory Alpha riporta quattro miliardi e mezzo di anni fa come periodo in cui i Precursori hanno infuso il proprio DNA negli oceani di vari pianeti.

Nota 2

Sebbene non ci siano affermazioni canoniche in tal senso, più parti hanno ipotizzato che i Protettori (fonte: TOS 3x03 "The paradise syndrome / Il paradiso perduto") siano in effetti i discendenti dei Precursori, impegnati - quattro miliardi e mezzo di anni dopo aver fatto nascere la vita umanoide nella Galassia - a preservare il frutto della loro opera.
Fra le fonti che affermano questa discendenza ci sono Ronald D. Moore (fonte: Star Trek: The Next Generation Companion), il fumetto COM DS9 "Descendants" e Star Trek Online.


4 x 109 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Terra, Europa

Evento

NASCE LA VITA SULLA TERRA

Nella regione della Terra che, miliardi di anni dopo, diventerà La Barre, in Francia, i primi aminoacidi iniziano a legarsi per formare le prime proteine, seguendo la matrice del DNA rilasciato mezzo miliardo di anni prima, dai Precursori, nel brodo primoridale del pianeta.

Nel 2370, quando il Continuum dei Q decide di sradicare la razza umana prima ancora che si sviluppi, per fare posto ad altre specie secondo loro più degne, Q aiuta il Capitano Picard della NCC 1701-D USS Enterprise a sventare il piano. Per fargli capire quale sia la posta in palio, Q trasporta Picard in questo tempo e luogo precisi, e gli rivela quale azione il Continuum dei Q abbia intrapreso per ottenere il proprio scopo.

Fonti

Per il tempo e il luogo in cui i primi aminoacidi iniziano a combinarsi: TNG 7x25 "All good things... / Ieri, oggi, domani"
Per l'intervento dei Precursori nel "brodo primordiale" della Terra: TNG 6x20 "The chase / Il segreto della vita"

Nota 1

Secondo Memory Alpha il primo legame fra aminoacidi accade 3,5 miliardi di anni fa. Secondo le più recenti teorie, però, la vita ha cominciato a formarsi sulla Terra fra i 4,1 e i 3,8 miliardi di anni fa, da cui la scelta di indicare 4 miliardi di anni or sono come data dell'evento.

Nota 2

La Barre è un vero piccolo comune francese, nel Dipartimento dell'Alta Saona, famoso per... aver dato i natali al Capitano Jean-Luc Picard nella saga di Star Trek.
Maggiori informazioni su Wikipedia / La Barre (Alta Saona) oppure, in inglese, su Wikipedia / La Barre (Haute Saone).


2 x 109 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Tagus III

Evento

CIVILTÀ TAGUANA

Raggiunge il suo apice la civiltà di Tagus III, una delle prime ad essersi sviluppata nella Galassia.
Le rovine lasciate da questa antichissima civiltà, e da quelle che si sono succedute sul pianeta, sono fra le più studiate dagli archeologi di tutte le epoche successive... con alterne fortune.

Fonti

TNG 4x20 "Qpid / Q-pido"

Nota

La data è stata ricostruita: la fonte parla di due miliardi di anni prima del 2367. Milione più, milione meno...

YATI

È alquanto opinabile che esistano ancora rovine da visitare e studiare dopo due miliardi di anni: se non l'erosione del tempo, la semplice deriva dei continenti e l'uso del territorio da parte di civiltà successive dovrebbero aver cancellato ogni possibile traccia del passato.


1 x 109 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Via Lattea

Evento

GUERRA DEGLI SLAVER

Il misterioso Impero degli Slaver controlla l'intera Galassia. Una delle razze sottomesse riesce a liberarsi ed inizia una guerra che porterà all'estinzione di ogni razza senziente nella Via Lattea.
La vita intelligente deve evolversi di nuovo su ogni pianeta.
Un miliardo di anni dopo gli unici reperti che consentono di studiare questa misteriosa razza sono i "Cubi di Stasi", contenitori ad entropia nulla che vengono di tanto in tanto ritrovati e che possono contenere qualsiasi cosa, da piccoli oggetti d'uso quotidiano ad armi di distruzione di massa. Nella Federazione, solo speciali laboratori della Flotta Stellare sono autorizzati ad aprirli ed esaminarne il contenuto.

Fonte

TAS 1x11 "The Slaver weapon / L'arma degli Slavers"


600 x 106 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Non applicabile

Evento

NASCITA DELLA CIVILTÀ MANRALOTH

Nasce la prima civiltà della Via Lattea composta da una pluralità di specie, la prima dopo che per miliardi di anni solo una o al massimo due specie si evolvevano nello stesso periodo.
Questa civiltà prende il nome dalla specie dei Manraloth che, evolvendosi da una razza dotata di abilità empatiche e comunicative superiori alle altre, per i successivi trecentocinquanta milioni di anni ha costituito la spina dorsale del sistema sociale.
Mentre, ad una ad una, le altre specie che si erano evolute contemporaneamente ai Manraloth hanno abbandonato la Galassia, chi rifugiandosi in universi virtuali, chi evolvendo in esseri non corporei e chi semplicemente estinguendosi, questa specie si è ritrovata ad essere sempre più antica, sempre più importante e sempre più con un ruolo di guide, consiglieri e maestri nei confronti delle nuove specie che si evolvevano. Con l'uso dell'ingegneria genetica e delle nanotecnologie i Manraloth sono arrivati ad essere virtualmente immortali, e fra quelle estinte note alla Federazione la loro civiltà è quella durata più a lungo (trecentocinquanta milioni di anni) e l'unica che abbia compreso tutta la Galassia, grazie anche alla loro capacità empatica e comunicativa ed alla enorme esperienza accumulata, che ha permesso di mediare ogni conflitto e di trovare una soluzione costruttiva valida.

A differenza della Federazione, i Manraloth non hanno mai avuto una Prima Direttiva: dove la Federazione crede che sia meglio che ogni razza trovi la sua strada verso le stelle, il suo modo di risolvere i propri problemi per contribuire con la propria unicità alla civiltà galattica, i Manraloth credevano che questo costituisse uno spreco criminale e immorale e fosse come abbandonare un bambino in una foresta. Anche se una specie fosse sopravvissuta, e non tutte erano in grado di farlo, sarebbero restate per sempre le cicatrici emotive da cui scaturiscono xenofobia e guerre (e per qualcuno la rabbia nei confronti di specie più avanzate che non hanno fatto nulla per aiutarli quando avevano bisogno per affrontare carestie, pestilenze e guerre).
La loro "prima direttiva" era che fosse meglio essere lì, come bravi genitori: far fare esperienza alle nuove specie, ma proteggerli dai pericoli più gravi.

Volendo mantenere unita e coesa una civiltà che abbracciava non solo la Via Lattea ma anche le sue galassie satelliti, come le Nubi di Magellano, i Manraloth avevano costruito "superstrade" subspaziali che collegavano i principali punti di queste galassie. Nel XXIV secolo, dopo milioni di anni senza manutenzione, di questa rete restano frammenti scollegati, i maggiori dei quali sono uno nel Quadrante Delta e uno che connette la Nube Minore di Magellano con un'area all'estremità del confine tholiano opposta alla Federazione. Altri pezzi sono ancora attivi qua e là, su piccole distanze, ma nel complesso la rete di comunicazione non esiste più.

Fonte

NOV TLE "The buried age"

Nota

Il network subspaziale ancora attivo nel Quadrante Delta viene utilizzato dalla USS Voyager negli episodi VOY 4x13 "Message in a bottle / Il messaggio in bottiglia" e VOY 4x15 "Hunters / Cacciatori".
Il network che collega le regioni remote dell'Annessione Territoriale Tholiana con la Nube Minore di Magellano viene utilizzato dalla USS Excelsior in NOV TLE "2298: The Sundered" e dalla USS Titan in NOV TTN "The Red King".


300 x 106 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Spazio profondo

Evento

CREATURA DI QUESTAR M17

Nella regione della Questar M17 - secondo la catalogazione della Federazione - una nave aliena viene attaccata da una creatura che si nutre di energia.
L'equipaggio della nave tenta di intrappolare la creatura nel campo ipergravitazionale di una stella collassata. Non essendoci riusciti, per impedire alla creatura di usare la loro nave per raggiungere i settori più popolati della Galassia decidono di farla esplodere, rendendola inutilizzabile.
La nave aliena e la creatura, ancora viva, verranno ritrovati nel 2269 dalla NCC 1701 USS Enterprise.

Fonte

TAS 1x04 "Beyond the farthest star / Oltre la più lontana stella"


250 x 106 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Via Lattea

Evento

ESTINZIONE DI MASSA SU SCALA GALATTICA

Dopo trecentocinquanta milioni di anni la civiltà Manraloth tenta un esperimento: creare un network psionico, aiutato dalla tecnologia, che unisca tutte le specie abbastanza avanzate in una unica comunità in continua comunicazione reciproca, in cui ognuno mantenga comunque la propria individualità e la capacità d scollegarsi se desidera una maggiore privacy.

Quando il collegamento viene attivato, non gradualmente ma nello stesso istante in tutta la galassia, la quantità di energia psionica si moltiplica esponenzialmente e raggiunge ogni essere senziente, anche quelli non collegati al network psionico: l'energia liberata vaporizza i corpi, mentre ogni essere il cui cervello fosse collegato o sufficientemente sviluppato passa ad uno stato incorporeo. Ogni essere non sufficientemente avanzato muore.
In pochi istanti metà della popolazione della Galassia (all'epoca circa un milione di miliardi di individui) scompare, mentre l'altra metà ascende verso un livello non corporeo per cui non sono pronti.

Questa Grande Moria su scala galattica non si limita agli esseri senzienti: quando una tale massa di corpi si trasforma in energia scoppiano incendi su ogni pianeta, che producono l'estinzione di piante e animali a causa prima dell'innalzamento delle temperature, poi dell'effetto "inverno nucleare" scatenato dalle polveri rilasciate dagli incendi.
Gli effetti del cataclisma si sono protratti per milioni di anni, in una concatenazione di eventi che ha continuato a sconvolgere la Galassia: quella Manraloth era una civiltà che creava e manipolava stelle e pianeti su scala galattica e gli effetti di esperimenti fuori controllo lasciati a metà, energie non più incanalate e sistemi intrinsecamente instabili mantenuti grazie alla tecnologia hanno continuato a ripercuotersi per milioni di anni.

Alcuni ricercatori e scienziati che lavorano in aree periferiche della Galassia, in basi schermate, hanno resistito agli effetti fisici della Catastrofe.
Non erano però protetti dalle energie psioniche di chi era asceso ed era impazzito per lo shock: l'unica soluzione trovata in tutta fretta è stata quella di chiudersi in un campo ad entropia zero, dove il tempo non trascorre, e attendere che la Galassia trovasse un nuovo equilibrio prima di riemergere.
I Manraloth che si sono salvati in questo modo non si aspettavano però di dover attendere 250 milioni di anni...

Fonte

NOV TLE "The buried age"

Durante questo periodo, noto come "Grande Moria" o "Estinzione di Massa del Permiano/Triassico", nell'arco di un milione di anni sulla Terra è scomparso il 90% delle forme di vita.

RIPERCUSSIONI SUI PIANI NON CORPOREI

Anche i piani di esistenza non corporea sono stati colpiti dalla Grande Moria causata dai Manraloth: gli Organiani e altre specie simili a loro hanno dovuto gestire una massa di 500.000 miliardi di coscienze impazzite, sconvolte, ferite.

Alcuni si sono adattati in fretta, altri sono diventati entità maligne e demoniache o divinità folli ed egocentriche, e alcuni che non si è riusciti a catturare o a curare completamente ancora girano per l'universo 250 milioni di anni dopo, dando origine a miti e religioni presso i popoli primitivi che incontrano.

Una volta stabilizzata la situazione, gli Organiani hanno iniziato un programma di monitoraggio delle forme di vita corporee, per impedire che qualcun altro ripetesse l'esperimento dei Manraloth.

Fonte

NOV TLE "The buried age"


100 x 106 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Via Lattea

Evento

RINASCITA DELLA VITA SENZIENTE

Centocinquanta milioni di anni dopo la Grande Moria causata dalla civiltà Manraloth ricominciano ad evolversi forme di vita senziente, dapprima lentamente (una o due per milione d'anni) poi a ritmo sempre maggiore man mano che gli ecosistemi si stabilizzano e le condizioni di vita migliorano.

Le prime e più antiche civiltà sono ignote anche agli archeologi della Federazione, scomparse nei miti e nelle nebbie del tempo, mentre avvicinandosi a tempi più recenti i ritrovamenti si fanno più abbondanti e di conseguenza gli studi più affidabili. Fra queste ci sono Tagus III (in realtà una serie di civiltà, la prima vecchia di due miliardi di anni, l'ultima ancora presente nel XXIV secolo), Galos Sigma, Iconia, gli eredi della Diaspora del Popolo di Sargon, i Kurl, i Ma-aira Thenn, i Clan Ru, i B'nurlac, i Kalandan, i Ky'rha e Cheron, gli Shedai e i Mro, l'Imperium Vormoreshinak e i Fer-Gruacch, fino alla civiltà senza nome che ha costruito le Grandi Piramidi di Nyria su Alpha Centauri III.

Alcune di queste civiltà, nate decine se non centinaia di migliaia di anni prima della Federazione, sono ancora presenti nel XXIV secolo, dimostrando che non è possibile prevedere se una civiltà si estinguerà dopo pochi secoli o se troverà un equilibrio e proseguirà a lungo: Organia, in primo luogo, e il Continuum Q, poi Bajor, Talos IV ed El-Auria, gli eredi dei Fabriniani e Aldea.

Fonte

NOV TLE "The buried age"


87 x 106 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Sistema D'Arsay

Evento

PERDITA DELL'ARCHIVIO D'ARSAY

L'archivio che contiene tutto il sapere e molti manufatti dei D'Arsay (dal nome del sistema stellare in cui questa civiltà ha avuto origine), gestito da un computer in grado di interagire con ogni altro sistema informatico, lascia - per ragioni sconosciute - il proprio sistema natale ed inizia a vagare nel vuoto interstellare.
Nel corso dei successivi ottantasette milioni di anni, l'Archivio D'Arsay raccoglie sulla sua superficie quantità sempre maggiori di gas interstellari, principalmente idrogeno ed elio, fino ad assumere l'aspetto di una cometa errante.

Nel 2370, la NCC 1701-D USS Enterprise trova la cometa nel Settore 1156 e, dopo aver sciolto i ghiacci che lo ricoprono, riporta alla luce l'Archivio.

Fonte

TNG 7x17 "Masks / Maschere"

Nota 1

La fonte riporta che, al momento del ritrovamento, la cometa è in viaggio da ottantasette milioni di anni, e che tracciando al contrario la sua rotta viene determinato il suo punto di origine nel sistema D'Arsay.

Nota 2

La fonte riporta da quanto tempo la cometa è in viaggio, ma non viene specificato quanto tempo prima l'Archivio abbia lasciato il sistema D'Arsay, o quando sia stato costruito. Secondo la Star Trek Encyclopedia, l'Archivio sarebbe stato costruito all'apice della civiltà D'Arsay, cento milioni di anni prima del XXIV secolo, ma in nessuna parte dei dialoghi dell'episodio viene esplicitata questa informazione, né viene indicata una diversa fonte, e pertanto non può essere considerata canonica.


50 x 106 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Betazed

Evento

ESTINZIONE DEI PRECURSORI ANFIBI

Su Betazed si estingue il precursore comune, una specie anfibia che si è poi differenziata dando infine origine ai moderni Betazoidi.

Fonte

TNG 7x19 "Genesis / Genesi"

Nota

La fonte riporta che tali anfibi, precursori dei moderni Betazoidi, si sono estinti cinquanta milioni di anni prima del XXIV secolo.


10 x 106 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Terra

Evento

EVOLUZIONE DEI GRANDI MAMMIFERI MARINI

Una sonda aliena di grande potenza, nota come "il Cercatore", insemina gli oceani primordiali della Terra con catene di DNA complesso, da cui si evolvono i grandi mammiferi marini del pianeta fra cui le Balene Megattere (Megaptera Novaeangliae).

Fonte

MOV 4 "The voyage home / Rotta verso la Terra"

Nota

Il nome della sonda aliena viene da NOV TOS "Probe".


2 x 106 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Via Lattea

Evento

SCOMPARSA DELL'IMPERIUM VORMORESHINAK

Si estingue una delle più antiche civiltà note alla Federazione fra quelle sorte dopo la Grande Moria.
Le Banche dell'Eredità Culturale dell'Imperium, trovate fra le rovine della loro civiltà, indicano la posizione di una Bolla di Stasi che racchiude un gruppo di sopravvissuti della Civiltà Manraloth.
Purtroppo, il passare del tempo e i cambiamenti geologici hanno portato questa bolla ad affondare nel mantello del pianeta su cui si trova, rendendola irraggiungibile per la tecnologia della Federazione.

Fonte

NOV TLE "The buried age"


1,5 x 106 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Sconosciuto

Evento

ESTINZIONE DELLA RAZZA DEI SERPENTI ALATI

Prima che sulla Terra venga scoperto il fuoco, la specie dei serpenti alati si estingue.
L'ultimo esemplare, chiamato Kukulkan ed adorato come divinità dalle popolazioni precolombiane dell'America Centrale, abbandona la Galassia dopo un incontro nel 2270 con la NCC 1701 USS Enterprise.

Fonte

TAS 2x05 "How sharper than a serpent's tooth / È più tagliente di un morso di un serpente"

Nota

Nell'episodio è lo stesso Kukulkan ad affermare quando sia avvenuta l'estinzione della sua specie, pur senza fornire alcun altro dettaglio.
La datazione dell'evento deriva da quella del controllo del fuoco da parte dei primi uomini.


1 x 106 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Pianeta del Guardiano dell'Eternità

Evento

COSTRUZIONE DEL GUARDIANO DELL'ETERNITÀ

Una razza sconosciuta costruisce un portale che permette di vedere epoche passate, di viaggiare nel tempo ed è in grado di rilevare alterazioni nel continuum.
Dopo migliaia di secoli di inattività, seguiti al crollo della civiltà che lo aveva edificato, il Guardiano viene riscoperto dalla Federazione nel 2267.

Fonte

TOS 1x28 "The city on the edge of forever / Uccidere per amore"

Nota

Il periodo di costruzione del Guardiano si ricava dall'affermazione di Spock che abbia "più di diecimila secoli", ovvero un milione di anni.
La roboante affermazione del Guardiano, secondo cui attenderebbe una domanda da "prima che il vostro sole ardesse nel cielo", ovvero da più di quattro miliardi di anni, appare invece inverosimile: nessuna città in rovina - città da cui il Guardiano è circondato a perdita d'occhio - potrebbe durare così tanto, se non altro per via dei mutamenti geologici che intercorrono in un lasso di tempo così esteso.


Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta
Non applicabile
Luna

Evento

ALIENI SULLA LUNA

Una specie aliena sconosciuta utilizza la Luna come base per le proprie operazioni sulla Terra, che comprendono manipolazioni genetiche di esseri viventi.
Le strutture aliene vengono scoperte casualmente durante le prime esplorazioni approfondite della Luna nel XXI secolo e provocano uno shock culturale agli Umani, che ancora non hanno avuto il Primo Contatto con i Vulcaniani.

Fonte

MOV 1 "Star Trek: the motion picture / Star Trek: il film"


600.000 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta, 600.000 a.C. circa
Non applicabile
Arret

Evento

ESPANSIONE DELL'IMPERO ARRETIANO

Partendo dal proprio pianeta natale, gli abitanti di Arret si espandono nella Galassia e, su molti mondi, danno l'avvio allo sviluppo di forme di vita.
Sebbene la vita sulla Terra si sia evoluta in modo indipendente, quanto detto da Sargon agli ufficiali dell'Enterprise nel 2268 potrebbe spiegare certi punti oscuri della preistoria di Vulcano.

Fonte

TOS 2x22 "Return to tomorrow / Ritorno al domani"

Nota 1

La data è stata ricostruita: la fonte parla di seicentomila anni prima del XXIII secolo, ma su queste scale temporali l'approssimazione - anche di migliaia di anni - non consente una datazione precisa.

Nota 2

Arret è anche il nome della Terra nell'Universo dell'Antitempo (fonte: TAS 2x06 "The counter-clock incident / Universi paralleli"), ma è solo un caso di omonimia.


Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta, 600.000 a.C. circa
Non applicabile
Impero Tkon

Evento

CADUTA DELL'IMPERO TKON

Quando la stella del suo mondo centrale diventa una supernova, cade l'Impero Tkon, che controllava una vasta area di spazio.
Si dice che all'apogeo della sua potenza l'Impero Tkon fosse in grado di spostare stelle e pianeti dalla loro orbita, e che si potesse accedere ai pianeti centrali di questa vasta unione di mondi solo attraverso alcuni Portali, mondi di confine che filtravano gli ingressi.
Delphi Ardu IV, esplorato per la prima volta dalla USS Enterprise nel 2364, era - ad esempio - il Portale 63, edificato durante l'Era di Bastù.
Seguirono altre due ere, quella di Xora e quella di Cimi, prima che durante l'ultima, l'Era di Makto, l'Impero crollasse.

Fonte

TNG 1x05 "The last outpost / L'ultimo avamposto"

Nota 1

La data del crollo dell'Impero Tkon è approssimata: Data parla di seicentomila anni prima del XXIV secolo.

Nota 2

Il susseguirsi delle ultime ere dell'Impero Tkon è citato da Data al Guardiano: Bastù, Xora, Cimi ed infine Makto.

Nota 3

Il sistema delle ere Tkon sembra avere affinità con il sistema di computo dei periodi e delle ere del calendario giapponese.


500.000 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta, 500.000 a.C. circa
Non applicabile
Sistema di Exo III

Evento

SI SPEGNE IL SOLE DI EXO III

Il sole di Exo III inizia a raffreddarsi.
Gli abitanti del pianeta edificano città sotterranee in cui trasferirsi, e in cui costruiscono androidi che si occupino di lavori manuali, mentre la popolazione si dedica in misura sempre maggiore a compiti esclusivamente intellettuali.
Nel corso di migliaia di anni gli androidi assumono sempre maggior rilevanza nella società di Exo. Quando gli Antichi (nome con cui gli androidi si riferivano ai loro creatori) iniziano a disattivare gli androidi, timorosi del loro sempre maggiore potere, questi si ribellano e uccidono la popolazione nativa.

Fonte

TOS 1x09 "What are little girls made of / Gli androidi del dottor Korby"

Nota

La data è stata ricostruita: la fonte parla di cinquecentomila anni prima del XXIII secolo, ma su queste scale temporali l'approssimazione - anche di migliaia di anni - non consente una datazione precisa. Inoltre, il processo di spegnimento di una stella è talmente lento e graduale da impedire di determinare un preciso momento di inizio.


Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta, 500.000 a.C. circa
Non applicabile
Arret

Evento

FINE DELLA CIVILTÀ ARRETIANA

Centomila anni dopo essersi espanso in tutta la Galassia, l'Impero Arretiano crolla a causa di una guerra civile combattuta con armi mentali abbastanza potenti da distruggere l'atmosfera di Arret. Undici scienziati e filosofi di Arret si salvano, preservando le loro coscienze all'interno di sfere appositamente costruite.
Quando, nel 2268, gli ufficiali della NCC 1701 USS Enterprise scopriranno Arret, solo tre di queste undici sfere saranno ancora intatte: quelle contenenti le coscienze di Sargon, leader di Arret, Thalassa, sua moglie, ed Enoch, il suo principale avversario.

Fonte

TOS 2x22 "Return to tomorrow / Ritorno al domani"

Nota 1

La data è stata ricostruita: la fonte parla di cinquecentomila anni prima del XXIII secolo, ma su queste scale temporali l'approssimazione - anche di migliaia di anni - non consente una datazione precisa.

Nota 2

Arret è anche il nome della Terra nell'Universo dell'Antitempo (fonte: TAS 2x06 "The counter-clock incident / Universi paralleli"), ma è solo un caso di omonimia.


310.000 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta, 310.000 a.C. circa
Non applicabile
Via Lattea

Evento

COSTRUZIONE DELLA BIBLIOTECA FER-GRUACCH

Viene costruita la Biblioteca che conserva il sapere e la storia della civiltà Fer-Gruacch. Fra le informazioni contenute nella Biblioteca ci sono storie e leggende sull'esistenza delle Bolle di Stasi della civiltà Manraloth, ma purtroppo senza nessun indizio sulla loro posizione.

Fonte

NOV TLE "The buried age"

Nota

La data è stata ricostruita: la fonte parla di diecimila anni prima della caduta della civiltà che l'ha costruita, ma su queste scale temporali l'approssimazione - anche di migliaia di anni - non consente una datazione precisa.


300.000 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta, 300.000 a.C. circa
Non applicabile
Via Lattea

Evento

CADUTA DELLA CIVILTÀ FER-GRUACCH

Appena diecimila anni dopo la costruzione della Biblioteca, la civiltà Fer-Gruacch crolla e per i successivi tremila secoli ogni ricordo della civiltà Manraloth scompare.

Fonte

NOV TLE "The buried age"

Nota

La data è stata ricostruita: la fonte parla di trecentomila anni prima del XXIV secolo, ma su queste scale temporali l'approssimazione - anche di migliaia di anni - non consente una datazione precisa.


200.000 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta, 200.000 a.C. circa
Non applicabile
Iconia

Evento

CADUTA DELLA CIVILTÀ ICONIANA

"Demoni delle tenebre e dell'oscurità": una descrizione - lasciata dai loro nemici - degli abitanti di Iconia, costruttori di un impero che dominava molti mondi. Secondo gli archeologi della Federazione, la descrizione si riferisce al fatto che gli Iconiani possedevano un sistema di teletrasporto interstellare, che usavano per muoversi attraverso il loro impero senza l'uso di astronavi.
Come tutte le civiltà prima e dopo di loro, anche gli Iconiani avevano nemici, che circa nel 200.000 a.C. si sono alleati e sono riusciti a vincere la guerra: il pianeta è stata bombardata dall'orbita fino a devastarne irrimediabilmente l'ecosistema.
Secondo molti la civiltà iconiana è scomparsa, mentre per altri si sono in gran parte salvati fuggendo su altri mondi. Comunque sia andata, la storia di Iconia è scivolata nel mito per i successivi duecento millenni.

Fonte

TNG 1x26 "Contagion / Contagio"

Nota

La data della caduta di Iconia è stata ricostruita sulla base dell'affermazione di Donald Varley, Capitano della USS Yamato, che dice di aver localizzato il pianeta tenendo conto di duecentomila anni di spostamento stellare rispetto ad una mappa iconiana che ha trovato.


48.000 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta, 48.000 a.C. circa
Non applicabile
Janus VI

Evento

NASCITA DELLA MADRE HORTA

Nasce su Janus VI la Madre Horta che, nel 2267, assisterà - unica della sua specie - alla schiusa delle uova e alla nascita di una nuova generazione, evento che accade una volta ogni cinquantamila anni.

Fonte

TOS 1x26 "The devil in the dark / Il mostro dell'oscurità"

Nota

L'anno di nascita della Madre Horta è ricostruito, tenendo conto che dovrebbe avere circa cinquantamila anni nel marzo 2267.


Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta, 48.000 a.C. circa
Non applicabile
Cheron

Evento

INIZIA LA FUGA DI LOKAI

Lokai, leader politico estremista di una delle due popolazioni di Cheron, fugge dal pianeta, inseguito da Bele, il Capo della Commissione per i Traditori Politici.
La loro lotta continuerà per i successivi cinquantamila anni, fino al settembre 2269, mentre sul loro mondo natale le rispettive popolazioni arriveranno a sterminarsi reciprocamente.

Fonte

TOS 3x15 "Let that be your last battlefield / Sia questa l'ultima battaglia"

Nota

La data è approssimata: la fonte riporta che l'inseguimento di Bele a Lokai è iniziato cinquantamila anni prima del 2269.


20.000 a.C.

Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta, 20.000 a.C. circa
Non applicabile
Aldea, Epsilon Mynos III

Evento

COSTRUZIONE DEL CUSTODE

Su Aldea, i Progenitori (i leader e gli scienziati le cui figure, col trascorrere dei secoli, vengono sempre più mitizzate) costruiscono il "Custode", un enorme sistema computerizzato che controlla e gestisce tutte le attività ordinarie del pianeta e risponde a tutte le richieste e i bisogni dei suoi abitanti.
Col tempo, al Custode vengono demandati sempre più compiti, fra cui la gestione dello scudo che difende il pianeta e dell'occultamento che lo nasconde agli occhi della Galassia, lasciando gli Aldeani liberi di seguire le loro passioni e le loro inclinazioni artistiche in una società sempre più libera da ogni necessità materiale.

Fonti

Per gli eventi: TNG 1x17 "When the bough breaks / Il pianeta sterile"
Per la posizione del pianeta Aldea nel sistema di Epsilon Mynos: MAN "Planets of the UFP"

Nota

La data è stata ricostruita. La fonte TNG 1x17 "When the bough breaks / Il pianeta sterile" riporta che il Custode esiste da "centinaia di secoli" (al plurale), il che sottintende un periodo di almeno ventimila anni (= duecento secoli).


Data
Data stellare
Luogo

Sconosciuta, 20.000 a.C. circa
Non applicabile
Tagus III

Evento

INIZIA L'ESPLORAZIONE DELLE ROVINE DI TAGUS III

Tagus III è noto agli archeologi come la patria di una delle prime civiltà ad essersi sviluppata nella Galassia, circa due miliardi di anni addietro.
Nel tempo, più di una civiltà si è evoluta e poi estinta sul pianeta, e in questo periodo iniziano le prime missioni archeologiche dirette alla scoperta dei misteri di un così lungo periodo.
Nei successivi ventiduemila anni, ben novecentoquarantasette missioni archeologiche ufficiali e documentate hanno effettuato scavi e ricerche su Tagus III, ma solo settantaquattro di queste hanno portato a scoperte rilevanti.

Fonte

TNG 4x20 "Qpid / Q-pido"

Nota 1

La fonte riporta che le prime campagne di scavi archeologici siano iniziate ventiduemila anni prima del 2367... Secolo più, secolo meno (nda).

Nota 2

Il numero di spedizioni archeologiche e quello delle scoperte fatte sono riportati dalla fonte.

 
HOME
INIZIO SEZIONE
SAGA